Torino: il diario del processo per le violenze nel carcere

18 DICEMBRE 2021

Oggi si è celebrata la prima udienza preliminare del processo che vede imputati 25 persone, tra cui esponenti della polizia penitenziaria ed anche l’allora Direttore dell’istituto di pena, per tortura, abuso di autorità contro persone detenute, favoreggiamento personale, omessa denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale, lesioni aggravate, violenza privata e rivelazioni di atti di ufficio ai danni di numerose persone ristrette presso la casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino.

Antigone ha richiesto di costituirsi parte civile ed è difesa dall’avv. Simona Filippi, ed altresì l’hanno fatto i Garanti per le persone private della libertà personale comunale di Torino, regionale piemontese e nazionale.

Le difese si sono riservate di valutare tali richieste ed il Giudice ha rinviato al 15 gennaio 2022. In quella data si formulerà il calendario per lo svolgimento dell’udienza preliminare, e di eventuali riti alternativi qualora vengano richiesti dalla persone imputate.

15 GENNAIO 2022

Sabato 15 gennaio 2022 si è celebrata la nuova udienza preliminare del processo che vede imputate 25 persone, per tortura, abuso di autorità contro persone detenute, favoreggiamento personale, omessa denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale, lesioni aggravate, violenza privata e rivelazioni di atti di ufficio ai danni di numerose persone ristrette presso la casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino.

Le difese degli imputati hanno chiesto il rigetto delle richieste di costituzione di parte civile che Antigone ed i Garanti comunale, regionale e nazionale per le persone private della libertà personale avevano richiesto all’udienza dello scorso dicembre.

Il giudice si pronuncerà a riguardo alla prossima udienza, fissata per il 5 febbraio.

5 FEBBRAIO 2022

Si è celebrata in questa data, davanti al Gip del Tribunale di Torino Mariafrancesca Abenavoli, l’udienza preliminare nei confronti di ventuno agenti di polizia penitenziaria imputati di reati di tortura, violenza privata ed abuso di autorità nell’ipotesi d’accusa commessi nei confronti di persone detenute nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino in un peirodo compreso tra l’aprile 2017 e l’ottobre 2019.

Il pubblico ministero Francesco Pelosi, che coordinò le indagini, ha fatto richiesta di rinvio a giudizio anche del Direttore e del Comandante dell’epoca perché avrebbero omesso di denunciare i fatti all’autorità giudiziaria ed avrebbero aiutato alcune delle persone indagate ad eludere le indagini.

La giudice, dopo aver respinto le eccezioni presentate dalle difese avverso le costituzioni di parte civile, ha aggiornato l’udienza al 14 marzo prossimo per consentire la citazione del Ministero della Giustizia quale responsabile civile.

Accolta quindi la costituzione di parte civile, oltre che di alcune delle persone indicate come vittime di violenza, dell’associazione Antigone con l’avvocata Simona Filippi, della Garante di Torino Monica Cristina Gallo con l’avvocata Francesca Fornelli, del Garante Regionale Bruno Mellano assistito dall’avvocato Roberto Capra e del Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale rappresentato da Mauro Palma e patrocinato da Davide Mosso.

14 MARZO 2022

Si è tenuta nuova udienza preliminare sul caso che vede coinvolti agenti e soggetti apicali per tortura ed altri reati ai danni di alcuni detenuti dell’istituto di pena torinese.

Oltre alla costituzione di altre due parti civili (persone fisiche offese nell’ambito di alcuni capi d’imputazione) ed alla trattazione di alcune questioni sollevate dalle difesa sull’utilizzabilità delle prove e sulla genericità di alcuni capi d’imputazione, rigettate dal GUP, sono state formulate le scelte di rito.

L’ex direttore dell’istituto ha deciso di procedere con il rito abbreviato così come un altro agente imputato. Tutti gli altri procederanno con il rito ordinario, salvo l’ex comandante ed un agente che hanno riservato la scelta all’esito dei loro interrogatori, che avverranno davanti al Gup lunedì 21 marzo.

Quello stesso giorno il Pubblico Ministero e le Parti civili, tra cui Antigone, svolgeranno le loro discussioni in ordine alla richiesta di rinvio a giudizio per coloro che hanno optato per il rito ordinario. Seguiranno nelle settimane successive le discussioni delle difese degli imputati.

21 MARZO 2022

Continuano le udienze di fronte al Giudice dell’Udienza preliminare di Torino per il procedimento sulle torture che sarebbero avvenute nella Casa Circondariale Lorusso e Cutugno di Torino.

Mentre il direttore ed il comandante, nonché un agente di polizia penitenziaria, in carica al momento dei fatti, hanno deciso di procedere con le forme del giudizio abbreviato (che inizierà di fronte a questo stesso giudice, sulla base degli atti raccolti in indagine, alla fine di maggio) tutti gli altri 22 imputati hanno deciso per il giudizio ordinario e dunque per lo svolgimento dell’udienza preliminare. Il Pubblico Ministero, ritenendo l’impianto probatorio solido ed idoneo a giustificare un accertamento processuale delle accuse, ha concluso la propria discussione chiedendo il rinvio a giudizio per tutti ed a tale richiesta si sono associate tutte le parti civili, tra cui Antigone. Hanno ora iniziato le proprie discussioni i difensori delle persone imputate, che è previsto si concludano entro l’udienza dell’11 aprile.

20 APRILE 2022

Oggi il Giudice dell’Udienza preliminare di Torino, per il procedimento sulle torture che sarebbero avvenute nella Casa Circondariale Lorusso e Cutugno di Torino, ha disposto il rinvio a giudizio per tutti e 22 gli imputati che hanno optato per il giudizio ordinario.

Il processo, per loro, inizierà il 4 luglio 2023 di fronte alla terza sezione del Tribunale di Torino.

Il 31 maggio prossimo, invece, sempre di fronte questo stesso giudice, avrà inizio il giudizio abbreviato nei confronti degli allora direttore e comandante, nonché di un agente di polizia penitenziaria.

Diario in costante aggioramento

Resta aggiornato sulle nostre attività. Iscriviti alla newsletter: https://bit.ly/2DFEzgI

--

--

--

Dal 1991 anni ci occupiamo di #Giustizia, di #Carceri, di #DirittiUmani e di #Tortura. Sostienici: http://www.antigone.it/sostieni

Love podcasts or audiobooks? Learn on the go with our new app.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
Associazione Antigone

Associazione Antigone

Dal 1991 anni ci occupiamo di #Giustizia, di #Carceri, di #DirittiUmani e di #Tortura. Sostienici: http://www.antigone.it/sostieni

More from Medium

Where Stephen Colbert Fits in the Two-Step Flow Communications Theory

Steven Odzer Recommends Generosity as New Year’s Resolution

Overstock CEO Patrick Byrne Is An Innovator & Survivor

End of an Era