Nel raccontare i fatti di cronaca spesso i media (e i politici che commentano le notizie) fanno passare le persone fermate come colpevoli del reato. Ci si concentra molto sulla fase delle indagini, ma poco si parla della fase processuale e, nei casi di assoluzione, molto poco si dice della sentenza.
In questo approfondimento parliamo proprio dei processi sui media e della presunzione di colpevolezza che scaturisce dal racconti dei fatti.

di Lorenzo Iorianni

Trattare il tema del rapporto sussistente tra informazione e giustizia implica l’irrompere in una dimensione dilemmatica, poiché significa affrontare un problema che offre un’alternativa fra alcune possibili soluzioni, nessuna delle quali è da ritenersi interamente accettabile. Ci si deve immergere in una logica del conflitto; conflitto tra diritti e interessi di pari rango: il diritto di cronaca (sottoinsieme del diritto di manifestare il proprio pensiero), il diritto alla privacy, all’immagine; il precetto del secondo comma dell’articolo 27 della Costituzione, la presunzione di innocenza e quello del primo comma dell’articolo 101, ossia “La giustizia è amministrata in nome…

Associazione Antigone

Dal 1991 anni ci occupiamo di #Giustizia, di #Carceri, di #DirittiUmani e di #Tortura. Sostienici: http://www.antigone.it/sostieni

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store